Abbinare i motivi

Parisian Gentleman

Abbinare i motivi

(Tratto dai lavori di Alan Flusser)

Gentlemen,

quella del coordinare i motivi è sicuramente una materia difficile, ma che, fortunatamente, passa attraverso un’insieme di regole semplici che è facile riassumere in una ricerca d’armonia fra il completo, la camicia e la cravatta.

Saper abbinare due motivi simili, come una cravatta a righe con una camicia a righe, o una cravatta a quadri con una camicia tartan è la prima cosa da apprendere.

La regola è semplice e immutabile: Quando abbinate due motivi simili, è importante fare in modo che i motivi siano di taglia e scala il più differente possibile, altrimenti ne risulterà un fastidioso effetto ottico di vibrazione visiva e di movimento, da evitare assolutamente.

Cary Grant nell’esempio qui sotto ha fatto attenzione alla compatibilità fra i due tipi di righe, variando la larghezza del motivo. Da notare l’effetto della cravatta tinta unita, che addolcisce piacevolmente l’insieme.

Il sempre elegantissimo Fred Astaire ha anche lui nella foto scelto come perfetta compagna per la sua cravatta a larghe righe diagonali una camicia “button-down” a fine righe verticali.

Ecco invece un esempio di cosa bisogna evitare. Sebbene l’insieme sia corretto, le righe della cravatta sono praticamente della stessa scala di quelle delle giacca, il che costringe l’occhio ad uno sforzo supplementare per differenziare i due, e rendendo il tutto molto meno piaceovle da vedere.

Si tratta quindi della prima regola da rispettare se volete lanciarci nell’appassionante avventura dell’abbinamento armonioso dei motivi. In compenso scoprirete presto che è senza dubbio la regola violata più spesso…

Cheers, HUGO