Abbinare due motivi a quadri

Hugo JACOMET

Abbinare due motivi a quadri

(Tratto dai lavori di Alan Flusser)

Gentlemen,

continuiamo la nostra esplorazione della complessa arte dell’abbinare i motivi (sempre dai lavori di Alan Flusser), e in particolare oggi dedichiamo la nostra attenzione a uno degli esercizi più difficili: l’abbinamento di due motivi a quadri.

Abbinare due motivi a quadri richiede un po’ più di savoir-faire rispetto all’abbinare delle righe; ma, ancora una volta, il rischio di errori stilistici può essere evitato facendo molta attenzione a creare un contrasto sufficente in termini di scala fra i due motivi.

Nei due esempi qui sotto, Ralph Lauren o in maniera ancora più netta, Gianni Agnelli, per non rischiare pongono molta attenzione nell’indossare due tipi di quadrati di dimensioni molto diverse.

In compenso, se la tenuta successiva (il disegno è esagerato per esigenze “didattiche”) non vi causa scompensi visivi, andata velocemente a consultare il vostro oftalmologo. La confusione causata dalla vicinanza troppo grande fra i motivi a quadri della stessa taglia, oltre a testimoniare una flagrante assenza di armonia, ha tendenza ad affaticare la vista dei vostri interlocutori…

E affaticare l’altrui sguardo non è sicuramente l’obiettivo della nostra ricerca dell’eleganza…

Cheers, HUGO.