Napoli, l’altra
Mecca del
Bespoke

Hugo JACOMET

 

Gentlemen,

da qualche settimana ho avuto l’occasione, cosa abbastanza rara, di incrociare molti gentlemen particolarmente ben vestiti.

E’ vero che individuare completi Bespoke per strada è diventata una mania (per non dire un’ossessione) personale, ma comunque, anche nelle settimane migliori, non sono mai riuscito a incrociarne più di quattro o cinque. Peraltro, vi posso assicurare di non “mancarne” molti, dato che ormai riconoscere una spalla “pagoda” da una “con rollino”, o delle asole alla milanese perfettamente aggiustate è quasi diventata per me una seconda natura.

La settimana scorsa ho quindi avuto la fortuna di incrociare nella stessa giornata (!) due uomini che indossavano due bellissimi completi bespoke, che ho immediatamente riconosciuto come di provenienza napoletana (le spalle sono abbastanza semplici da individuare per un occhio un tantino allenato), senza purtroppo essere riuscito a capire quali fossero gli ateliers di provenienza. Dopo essermi approcciato ai due gentlemen (che avevano contemporaneamente notato le spalle del mio completo, un doppiopetto in Principe di Galles in Super 130’2 Holland and Sherry della gamma Target con un motivo molto denso, realizzato da Cifonelli), ho appreso che i due magnifici completi provenivano da due maisons che noi di PG seguiamo da tempo: Antonio Panico e Gennaro Solito.

Queste due maisons napoletane dalla grande tradizione producono completi con una netta preferenza per un lavoro di spalle naturale (spalla cadente) per quanto riguarda Panico mentre Solito è più orientata verso la spalla “con rollino” (ossia una spalla napoletana leggermente più strutturata). Per quanto mi riguarda sono molto più attirato dai lavori di Panico, ma si tratta di una questione di gusto, dato che anche il lavoro di Solito è di grandissima qualità.

Per quanto riguarda la maison Solito, ecco qualche assaggio della produzione di questa eccellente sartoria, tra i quali una giacca con la tipica montatura delle spalle “con rollino” (la seconda immagine) così cara a questa maison.

Due maisons molto belle alle quali ci interesseremo sicuramente con molta più attenzione nei mesi a venire.

Napoli sarà sempre Napoli…

Cheers, HUGO.